Ripensare la sicurezza per sistemi informativi “open”